Le nostre imprese a Est

Seimila aziende. Un quinto della nostra presenza economica nel mondo. Il principale sbocco dell’export. La radiografia del ruolo delle imprese italiane nell’Europa emergente. 

Gli investimenti

Nell’Europa centrale e balcanica, più Russia e Turchia, operano decine di migliaia di aziende italiane. Non esiste una banca dati che sappia esprimere con esattezza, nelle sue reali dimensioni, la nostra presenza imprenditoriale in questa macroregione. Si sa solo che le aziende con fatturato superiore a 2,5 milioni di euro sono 6000.

Nella sola Polonia le aziende italiane fatturano il doppio, rispetto a quelle che risultano presenti in Cina.

Il numero, seppure parziale, è comunque immensamente rilevante. Queste imprese, tenendo ancora presente il metro del fatturato superiore a 2,5 milioni, rappresentano un quinto della presenza economica italiana nel mondo, danno lavoro a 354643 persone e fatturano 87,613 miliardi di euro l’anno. Per capire la portata enorme di questi dati basterà dire che il fatturato registrato dalle aziende italiane presenti in Cina è la metà di quello realizzato da quelle radicate nella sola Polonia.

Nel grafico sottostante (cliccandoci è possibile aprirlo nelle reali dimensioni) si può visualizzare il peso degli investimenti italiani nei vari paesi dell’Europa centrale, baltica, sudorientale e post-sovietica.

Grafico investimenti italiani a Est
(Ice-Reprint)

Ma oltre alle imprese che fatturato più di 2,5 milioni l’anno a Est ce ne sono altre, molte altre di dimensioni inferiori. È il principio del “giro di compasso”. Parliamo di aziende che non hanno risorse tali per investire in Cina o in altri mercati “lontani”. Si muovono dunque, per geografia e necessità, nel loro “estero vicino”.

Queste imprese, grandi e piccole che siano, provengono soprattutto dalla province del Nordest e dal settore Adriatico. La loro presenza a Est è spalmata prevalentemente in quattro paesi: Romania, Polonia, Ungheria e Repubblica ceca. Sulla Romania va aperto un discorso a parte: è in assoluto il paese con più aziende italiane, a prescindere dagli aspetti dimensionali e dai fatturati. Siamo circa a quota 28mila, di cui 16mila attive. Messe insieme, queste aziende contribuiscono al 5% del Pil romeno.

Oggi il peso delle delocalizzazioni è inferiore rispetto agli anni ’90. Due terzi degli investimenti a Est sono orientati a servire i mercati locali.

A livello settoriale, la presenza italiana a Est è ottimamente rappresentata nei tradizionali comparti del Made in Italy: tessile-abbigliamento, mobili, arredo (metà delle cucine importate dalla Russia provengono dall’Italia) e altri beni del sistema casa (cemento, piastrelle, componenti, ecc.), così come la meccanica. Ma tutti i settori, in generale, sono coinvolti. E non si guarda solo alla delocalizzazione.

Qui va aperta una parentesi. Perché se è vero che negli anni ’90 le imprese italiane andavano a Est attratte dal basso costo della manodopera, adesso la loro azione è volta a penetrare e conquistare questi nuovi mercati, dove l’effetto europeo e la stabilità conseguita dopo la transizione post-’89 sono alla base di forme di benessere sempre più diffuse e dell’allargamento del perimetro della classe media. Si stima che i due terzi degli investimenti a Est siano market-seeking, orientati a servire i mercati locali.

 

L’export e l’interscambio

Il solido legame tra l’Italia e l’Est è confermato anche dalle cifre dell’export. Europa centrale, Balcani e Turchia, Russia: la regione è diventato il principale mercato di sbocco delle imprese italiane. Il primato dell’Est, in questo contesto, è arrivato subito dopo l’allargamento dell’Ue a Polonia, Repubblica ceca, Ungheria, Slovacchia e repubbliche baltiche. L’accesso di questi paesi al libero mercato comunitario ha infatti ampliato il bacino degli scambi. Di seguito i nostri grafici sul flusso commerciale complessivo tra Italia e paesi dell’Est.

Infomercatiesteri.it, Rassegna Est
Infomercatiesteri.it, Rassegna Est

 

Informercatiesteri.it, Rassegna Est
Informercatiesteri.it, Rassegna Est
Infomercatiesteri.it, Rassegna Est.
Infomercatiesteri.it, Rassegna Est.
Annunci

Un pensiero su “Le nostre imprese a Est”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...